Autismo, scoperto farmaco che potrebbe curare quai ogni forma


Una grande novità potrebbe essere in arrivo sul campo medico-scientifico. Nello specifico si tratterebbe di un nuovo farmaco sperimentale che potrebbe curare la maggior parte delle forme dei disturbi dello spettro autistico meglio conosciuti come autismo. Il farmaco in questione è chiamato Nitrosinaptina e sarebbe stato scoperto da un team di ricerca internazionale coordinato da studiosi dell’autorevole The Scripps Research Institute di La Jolla, California, i quali hanno tentato con grande successo la molecola sui topi. I ricercatori Comunque pare abbiano somministrato questo farmaco ad alcuni roditori affetti da autismo e i risultati sono stati davvero sorprendenti. Il farmaco avrebbe ripristinato la corretta funzionalità dei neuroni ma pare abbia avuto anche un impatto positivo nei comportamenti degli animali e sulle anomalie cerebrali tipiche di questo disturbo.

I test pare siano stati effettuati su modelli murini e su cellule in coltura di pazienti autistici. Sulla base di questi risultati davvero sorprendenti scienziati coordinati dal professor Stuart Little pare che al momento siano in attesa del via libera per poter sperimentare questo farmaco sugli essere umani. A tal riguardo, il principale autore dello studio ha dichiarato: “Pensiamo che questo candidato farmaco possa essere efficace contro multiple forme di autismo”.Oltre ai test effettuati sui topi il farmaco, pare sia stato utilizzato anche su i test preliminari sempre effettuati in laboratorio e su alcune cellule di pazienti affetti da autismo dando degli ottimi risultati. I risultati finora ottenuti dalla ricerca del dottor Kim sono stati pubblicati online da Nature Neuroscience.

“Ci troviamo in un’interessante ed emozionante fase di sviluppo in quanto siamo riusciti ad identificare il meccanismo patologico di un certo tipo di autismo e disabilità intellettiva” ha dichiarato Woo-Yang Kim. Questa ricerca ha lanciato Grande entusiasmo intanto che le associazioni di genitori di bambini autistici pare stiano avendo già da settimane per sostenerla in ogni modo anche sui social network. La speranza di tutti e non solo dei genitori dei bambini autistici è quella che questo nuovo farmaco possa dare dei risultati interessanti Quando verrà impiegato nei primi test clinici.

La ricerca del dottor Kim è stata supportata da un finanziamento di 1,7 milioni di dollari dal National Institute of Neurological Disorders and Stroke e da un Premio di Sviluppo Istituzionale di 400,000 dollari da parte del National Institute of General Medical Sciences del National Institutes of Health. L’autismo, detto anche il disordine dello spettro autistico, va a danneggiare la capacità degli individui di comunicare e di interagire con gli altri. Circa il 75% degli individui affetti da autismo mostrano anche disabilità intellettiva caratterizzata da significative limitazioni nelle funzioni cognitive e nei comportamenti adattivi. Al momento non esistono farmaci o dei trattamenti genetici che possono prevenire l’autismo o la disabilità intellettiva e le uniche opzioni di trattamento si basano sulla gestione del comportamento e sulle terapie educative e fisiche.



Source link

LEAVE A REPLY